Login
Supporta il sito

Venditascacchi.it
scacchi, scacchiere e chess set completi artigianali fatti a mano in
Italia
scacchi, scacchiere e chess
set completi
artigianali fatti in Italia

Newsletter
Notizie e lezioni in pdf.

Hit Counter by technology news
Chi c'é online
2 visitatori online
2 ospiti, 0 membri
Commenti recenti
Quiz giornaliero


Please consider registering
guest

sp_LogInOut Log In sp_Registration Register

Register | Lost password?
Advanced Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 4 characters - maximum search word length is 84 characters

No permission to create posts
sp_Feed Topic RSS sp_TopicIcon
Aperture
1 Settembre 2011
2:16
AldoA
Member
Members
Forum Posts: 3
Member Since:
23 Agosto 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
121sp_Permalink sp_Print

Grazie per i suggerimenti. La mia preoccupazione era proprio di trovarmi già in svantaggio dopo l'apertura (soprattutto 1d4 contro la quale non riesco a trovare un'apertura che non mi porti troppe complicazioni) . Comunque seguirò i vostri consigli prediligendo la tattica e continuando con le mie aperture.

1 Settembre 2011
6:24
Luciano
Member
Members
Forum Posts: 111
Member Since:
23 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline
122sp_Permalink sp_Print

Io contro 1.d4 sono ancora nella ´fase esplorativa´ e rispondo solitamente con 1…d5.

Se il B continua con 2.c4 alterno 2…dxc4 a 2…c6.

Nel primo caso o cerco di controllare d5 (con …Cf6) e scalzare il pedone d4 con la spinta …c5, oppure impianto una struttura Caro (con c6 ed e6, per intenderci) che conosco dalla Scandinava, che é una delle aperture che uso contro 1.e4

Nel secondo caso impianto una Slava, di cui peró non conosco la teoria e che gestisco in base all´esperienza fatta a colori invertiti col Sistema Colle…

Se il B continua NON 2.c4 (ovvero solitamente 2.Cf3) allora gioco io 2…c5 e cerco di impiantare a colori invertiti il setup dell´Ortodossa

Come dicevo nel post precedente, a volte provo 1…f5 e impianto uno Stonewall.

Si tratta di aperture che ancora non ho studiato a livello ´analitico´, ma di cui conosco ovviamente le videolezioni del sito.

1 Settembre 2011
6:47
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
123sp_Permalink sp_Print

Lo Stonewall è il metodo migliore per chi vuole un’apertura ragionevole contro molti setup del Bianco: 1. d4 1. c4 1.Cf3 ecc.ecc.
Botvinnik usava spesso la struttura d5/e6/c6 e, a seconda dell’ordine delle mosse, giocava lo Stonewall, il Gambetto di Donna, la Semislava sistema Botvinnik (sic!). Ad esempio: 1.d4 d5 2.c4 e6 (questo ordine di mosse evita la variante di cambio della Slava) 3.Cf3 c6.
Ovviamente, la sua grande preparazione teorica gli permetteva un rapido cambio del sistema d’apertura a seconda dell’avversario, della posizione in classifica ecc.ecc.
Ai nostri livelli, il sistema (studio della Semislava + studio dello Stonewall) è possibile, ma comincerei senz’altro dallo Stonewall, più facile da …digerire!
Infine: nota che, nella variante citata, se il Bianco gioca 3.Cc3 invece di 3.Cf3, il Nero, se vuole evitare di studiarsi anche il Gambetto di Donna, deve accettare il Gambetto Marshall 4.e4.
Insomma, le trasposizioni sono tante: lo Stonewall nudo e crudo riduce di molto la teoria da studiare.

Playchess: Tarascio_Giusepp
19 Settembre 2011
9:11
armando
Member
Members
Forum Posts: 15
Member Since:
9 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
124sp_Permalink sp_Print

Volevo porvi una domanda dopo il mio ultimo torneo:praticamente ho fatto 0 punti col bianco e 3,5 col nero; mi conviene cambiare apertura? Adotto d4 col bianco e la sicialiana col nero

19 Settembre 2011
9:17
Avatar
Masterblaster
Member
Members
Forum Posts: 234
Member Since:
25 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline
125sp_Permalink sp_Print

Nella vita ci sono due regole fondamentali:

1) Non invitare un vampiro a cena

2) non cambiare apertura ( o difesa) solo perchè hai perso una partita.

 

Quando Tarascio si riprenderà dalll'attacco di schizofraxomazicozenia acuta, che lo coglie ogni volta che legge domande del genere, ti darà lui stesso una risposta.

Avvertenza: durante la stesura di questo post nessun pezzo degli scacchi è stato maltrattato.
20 Settembre 2011
7:14
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
126sp_Permalink sp_Print

Se stai leggendo questo, probabilmente non hai affatto un repertorio oppure hai “una specie” di repertorio. In entrambi i casi, dovresti affrontare la situazione.
Le tue precedenti esperienze con certe aperture possono essere un utile indicatore per costruire il tuo repertorio. Se hai preso nota delle tue partite e creato una loro storia in un database, puoi analizzare i tuoi risultati con le varie aperture. Questo esercizio ti fornirà alcune statistiche, tipo quali aperture hai giocato di più e con quali aperture hai vinto o perso. Cerca di valutare se ti è piaciuto giocare certe aperture o no e perchè. Questo è un grosso indicatore per valutare il tuo preferito stile di gioco! Cerca anche di valutare in quale misura l’apertura giocata ha avuto un ruolo importante nel risultato della partita.. Prima di incolpare un sistema (tra l’altro, dire “gioco 1.d4 ” è molto vago) è importante sapere quanto ha influito la Tattica, non intesa come “combinazioni”, ma come banale capacità di calcolare varianti di 2 mosse.

Playchess: Tarascio_Giusepp
20 Settembre 2011
9:49
armando
Member
Members
Forum Posts: 15
Member Since:
9 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
127sp_Permalink sp_Print

Praticamente mi trovo molto in difficoltà con 1d4,2c4 dove non ho vinto una partita. Mi trovo meglio con l'attacco Torre o il sistema di Londra. Infatti stavo pensando di giocare il Colle. Altre aperture non le ho mai giocate in torneo.

20 Settembre 2011
10:10
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
128sp_Permalink sp_Print

Costruirsi un repertorio da autodidatti con 1.d4 2.c4 è operazione comnplessa. Gli altri sistemi da te citati sono senz’altro migliori, e sufficienti a raggiungere l’obiettivo della tua vita scacchistica. Battere Anand??? No, credo che Vishy dorma sonni tranquilli, per ora…ehehe

Playchess: Tarascio_Giusepp
20 Settembre 2011
10:52
armando
Member
Members
Forum Posts: 15
Member Since:
9 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
129sp_Permalink sp_Print

Si certo Anand può stare tranquillo :). Il mio obiettivo sarebbe arrivare al livello di maestro o almeno candidato :). Quindi mi consiglia di approfondire quei sistemi più il colle?

20 Settembre 2011
10:58
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
130sp_Permalink sp_Print

Ti suggerisco di dedicare poco tempo allo studio della teoria delle aperture e molto tempo al mediogioco ed al finale.

P.S. Grazie da parte di Anand: ha fatto un sospiro di sollievo!

Playchess: Tarascio_Giusepp
20 Settembre 2011
11:10
armando
Member
Members
Forum Posts: 15
Member Since:
9 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
131sp_Permalink sp_Print

Grazie le ho inviato un MP. Mi saluti Anand visto che lo conosce bene:)

5 Ottobre 2011
4:39
Mark
New Member
Members
Forum Posts: 2
Member Since:
5 Ottobre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
132sp_Permalink sp_Print

Salve Signor Tarascio e complimenti per il sito. Le vorrei fare una domanda. Recentemente ho iniziato a giocare a scacchi ed adesso volevo cercare di costruirmi un repertorio di aperture. Per cominciare con un'apertura non molto difficile, mi hanno consigliato la Partita Italiana. Inizialmente ho subito cercato di studiare tutte le possibili varianti, ma vedendo le sue videolezioni (come quella sulla Siciliana) mi è sembrato molto più utile il suo sistema nel quale pone degli scopi in ogni apertura . Quindi le chiedevo se saprebbe spiegarmi quali sono gli obiettivi del bianco e del nero in quest'apertura. La ringrazio, Mark. 

5 Ottobre 2011
4:57
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
133sp_Permalink sp_Print

Caro Mark, permettimi di dirti che stai partendo col piede sbagliato.
Lo so, i principianti sono ossessionati dalla posizione di partenza: quante mosse a disposizione! Quale scegliere? E se poi perdo in poche mosse, a cosa mi serve studiare (ad esempio) il mediocgioco? O, addirittura, i finali? Ma ti assicuro che l’esperienza decennale di Maestri ben più validi di me (ti potrei citare l’intera Scuola Sovietica, ma capisco che a te non interessa) hanno individuato in altri punti l’inizio della formazione di uno scacchista.
Un consiglio solo, per non annoiarti ulteriormente e per non parlare a vuoto: nella pagina “Migliora il tuo gioco” puoi trovare una dispensa in pdf. Dacci uno sguardo, Nel capitolo 6 trovi anche indicazioni su testi consigliati ecc. Sempre nella stessa area del sito, trovi un “percorso formativo gratuito”, con lezioni in pdf ecc.ecc. Scaricali e dacci un’occhiata. Al repertorio d’aperture arriverai dopo aver superato la soglia minima dei 1700 punti ELO (non sai cosa sono: in pratica una classifica tra noi scacchisti. Si parte da 1440).
Infine pensa: se tu volessi imparare a giocare a tennis, all’istruttore chiederesti subito come fare “ace” al servizio? O gli chiederesti banalmente: “Come si impugna la racchetta? Qual è il corretto grip della mano?”

Playchess: Tarascio_Giusepp
5 Ottobre 2011
7:50
Mark
New Member
Members
Forum Posts: 2
Member Since:
5 Ottobre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
134sp_Permalink sp_Print

La ringrazio per i consigli, allora seguirò il metodo da lei consigliato. Sì in effetti, essendo uno scacchista alle prime armi, pensavo di dover studiare nell'ordine le varie fasi della partita (aperture, mediogioco e finali). Mark

6 Ottobre 2011
7:47
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline

In matematica esiste “la prova del 9”. Proviamo ad applicarla alla tua domanda ed alla mia risposta precedente. Immaginiamo, cioè, che io voglia veramente “costruirmi un repertorio di aperture. Per cominciare con un’apertura non molto difficile, mi hanno consigliato la Partita Italiana.” (Tralascio la domanda che sorge spontanea: e chi è questo consigliere? Uno dei tanti Non Classificati che scrivono sui Forum atteggiandosi a professionisti della scacchiera e criticano i “maestrucoli italiani”?)
Ok, al lavoro! Facciamo un progetto step by step:

A) Decido di costruirmi un repertorio per il Bianco basato su 1.e4. Questa è la definizione di repertorio: “Un gruppo di accordi con te stesso basati su una ricerca a priori e su decisioni corrispondenti riguardanti i sistemi, le difese, le varianti e le mosse che tu vorresti giocare durante la prima fase della partita di scacchi.”

B) Dopo 1.e4 il Nero ha molteplici risposte. Consideriamo, per ora, solo 1…e5

C) Dopo 1.e4 e5; 2.Cf3 il Nero può giocarmi dei grossi sistemi come 2…d6 (Difesa Philidor); 2…Cf6 (Difesa Petrov) e dei sistemi minori come 2…f5 (Gambetto Lettone) o 2…d5 (Gambetto Elefante).

D) Dopo 1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ac4 il Nero può rispondere 3…Cf6 (Difesa dei Due Cavalli) o 3…Ac5. Solo in quest’ultimo caso possiamo giocare 4.c3 entrando nel Gioco Piano o Partita Italiana. Il soprannome datogli, appunto “Gioco Piano”, è però molto fuorviante, perchè non descrive i risvolti tattici che la partita può assumere!

Fermiamoci un attimo. Anche solo contando le aperture evidenziate in grassetto, avrai notato lo sforzo teorico che mi accingo a compiere. Anche volendo sintetizzare il tutto, diciamo che 200-250 pagine di teoria non me le toglie nessuno. Ovviamente, è possibilissimo fare questo studio, e sicuramente sarebbe molto utile. Ma, senza un Maestro che ti aiuti, quanto tempo dovresti dedicare? E con quali risultati (in termini di scelta delle linee migliori)? E, soprattutto, capendoci cosa?
Nel post precedente ti ho parlato di tennis. Ora, domandati: se vuoi imparare a giocare a tennis, la prima cosa che fai è comprarti un videogioco della Nintendo Wii per “auto-allenamento” o cerchi qualcuno che ti insegni, almeno, a palleggiare? Perchè gli Scacchi devono essere considerati uno Sport minore, tanto facile da poter essere imparato solo leggendo il foglio illustrativo di una scacchiera di plastica? Domanda retorica, ovviamente. Non attendo risposta!

Playchess: Tarascio_Giusepp
18 Ottobre 2011
8:48
Avatar
Masterblaster
Member
Members
Forum Posts: 234
Member Since:
25 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline
136sp_Permalink sp_Print

Dopo aver visto una partita di un iscritto che ha giocato la Francese var. Tarrasch e il Nero ha risposto con la Var. Guimard 3.., Cc6, sto preparando un video che illustri il piano del Bianco contro questa particolare difesa. Probabilmente sarà il primo di una breve serie sui sitemi minori che il Nero può giocare per affrontare questo sistema. I sistemi principali sono 3.., Cf6 e 3.., c5 con la diramazione della cattura in d5 con la Donna o col Pedone “e” che danno origine a due partite radicalmente diverse. Esiste anche la cosiddetta Var. Romanishin con 3.., Ae7, una linea recentemente riproposta da Morozevich e usata abbastanza spesso anche ad alti livelli.

I sistemi minori che vorrei trattare sono quelli basati su mosse rare come 3.., g6  3.., b6  3..,Ce7 e 3.., f5 quest'ultima giocata saltuariamente dal nostro primo GM Sergio Mariotti. Tuttavia un paio di sonore sconfitte ad opera di karpov e di Zapata negli anni 80 hanno convinto l' Italian Fury ( come lo avevano soprannominato gli inglesi) a cambiare difesa.

C'è anche un altro sistema che mi piacerebbe affrontare ed è la Var. Rubinstein con 4.., Dd5.

Parlando in generale di aperture, chi ha una minima pratica di torneo sa perfettamente che alcuni schemi non danno un vantaggio al Bianco. Ma quando si studia un'apertura non siamo di fronte ad un problema matematico che ammette una sola soluzione. In apertura non dobbiamo cercare ad ogni costo un chiaro vantaggio per il Bianco o la parità per il Nero. la conoscenza e la comprensione delle posizioni tipiche, delle idee, dei piani di gioco sia strategici che tattici sono più importanti dei simboli + e -.

 

I giocatori alle rpime armi possonoa nche chiedere “Come si demolisce 1. e4 e5  2. Cf3 Df6?” ma un giocatore esperto sa perfettamente che non esiste una demolizione immediata ma che il Bianco andrà a star meglio perchè il Nero ha iniziato già con il piede sbagliato.

 

Tornando al tema del post, voglio aggiungere che molti istruttori propongono di seguire un Gm con un repertorio che possa essere usato anche da un dilettante. Frugando nei database ho scoperto il giocatore che potrebbe ricoprire questo ruolo. Non è un GM di primissimo piano ma è sulla scena scacchistica da molto tempo: è Michele Godena.

Godena è troppo spesso trattato con sufficienza come se fosse una specie di mezzacalzetta eppure in passato ha battuto giocatori titolati. Non credo che si possa dimenticare il 5-1 inflitto alla stella nascente Bacrot durante un match amichevole a Cannes e neppure ignorare gli scalps di molti GM ottenuti durante la sua carriera.

La “sfortuna” di Godena è stata quella di nascere troppo presto quando in Italia gli scacchi erano ancora “fai da te” ( e c'è qualcuno che vorrebbe tornare a quei tempi!) con pochi sponsor, pochi soldi per trovare allenatori e pochi tornei.

Il dover vivere di scacchi ha fatto sì che Godena rinunciasse ad aperture troppo sbilanciate per costruirsi un repertorio di lunga durata, il cosiddetto “long maintenance repertoire”.

In questo repertorio un posto di rileievo lo occupa il Sistema Tarrasch e alcune partite di Godena sono tutt'ora esemplari per la teoria.

Avvertenza: durante la stesura di questo post nessun pezzo degli scacchi è stato maltrattato.
21 Ottobre 2011
6:43
Giacomo43
Member
Members
Forum Posts: 99
Member Since:
21 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
137sp_Permalink sp_Print
Permettetemi di presentarmi: sono un “vecchietto” di 68 anni, che spinge pezzetti di legno da 55 anni ….. giocavo regolarmente 1.e4, e nei primi anni 80 sono immeritatamente assurto alla 1^ Nazionale… come??? mi ero ben preparato UNA variante per ogni risposta del Nero, scegliendole tra quelle più aggressive, che magari nell'Enciclopedia davano leggero vantaggio al Nero, ma che in partita era assai difficile dimostrare (ai nostri livelli). Ricordo che una volta giocai una francese di Bianco contro un CM, io ero 3Naz, e lo battei con questa mia variante perdente (allora lui in Sardegna era considerato uno dei massimi esperti sulla francese): alla fine della partita mi disse: “Lo sai che questa variante è perdente?”, io, tronfio, risposi:”SI, lo so; ma in tanto hai perso tu,,”.. e lui di rimando: “Se continui a giocare varianti perdenti, non imparerai mai a GIOCARE….” Quanto aveva ragione!!!! 
Chi ha orecchie da intendere …….se interessa vi dirò il seguito…..a presto
21 Ottobre 2011
6:57
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline
138sp_Permalink sp_Print

Masterblaster (anche lui utente del sito) sta scrivendo da anni un paio di libri tratti dalle sue partite. I titoli sono illuminanti: “Come giocare 1.e4 …. e perdere!” e “Come giocare 1.d4 e …. pattare a stento!”. Io, invece, sto scrivendo: “Come abbandonare una partita senza mettersi a piangere”. Come vedi, siamo tutti sulla stessa barca! ehehehe

Playchess: Tarascio_Giusepp
22 Ottobre 2011
1:30
Giacomo43
Member
Members
Forum Posts: 99
Member Since:
21 Settembre 2011
sp_UserOfflineSmall Offline
139sp_Permalink sp_Print
Allora… II^parte
diventato 1^Nazionale, baldanzoso vado al mio primo torneo a Madonna di Campiglio (allora non esistevano gli Open, si giocavano i tornei di categoria …). …… Ho preso tante di quelle botte !!!!…. Perchè?? ….. le mie varianti aggressive “perdenti” erano veramente perdenti; Insomma le mie lacune in apertura erano un handikap mostruoso, e condizionavano tutta  la partita ….
Allora non c'era internet né Chessbase e l'unico libro era quello di Chicco e Porreca. Poi io giocavo solo 1.e4, e non avevo il tempo (allora lavoravo) nè l'opportunità di studiare una marea di varianti e sottovarianti e allora??
In quel tempo su Torre e Cavallo (allora se non erro si chiamava Scacco) trovai una monografia (non ricordo di chi) sull'Est-Indiana in contromossa, in sei puntate. Fu il classico colpo di fulmine, mi innamorai …. non c'erano molte varianti da studiare (sarà poi vero???), era un Sistema e quindi più idee che memoria … tutto bene!!!! ….. manco per sogno … quando mi uscivano dai Setup (Oh Dio!, sto parlando come Tarascio) Francesi e Siciliani, in particolare il Nero giocava i Fianchetti e/o pedone e5, entravo in crisi … e sono rimasto in crisi per quarant'anni (per la cronaca: gioco ancora oggi esclusivamente il KIA (rigorosamente 1.Cf3) con il Bianco e la Siciliana Najdorf  e l'Est-indiana di Nero- (Tarascio dirà:”auguri”) A proposito dei video di Masterblaster sul KIA (BELLISSIMI, ma mi piacciono di più quelli di Tarascio, sono più imparziali …): io ancora non ho incontrato Hulmann, ma ho quasi sempre vinto contro i setup francesi e pattato anche con qualche “maestro”; penso che Hulman, sia andato a Lezione da Vasjukov ….. ehh!!!!!).
Nel frattempo ho comprato circa duecento libri, enciclopedie, corsi completi: per anni ho comprato i libri della Prisma, ma tutti dopo un fuggevole sguardo finivano nello scaffale  …..
Alla fine di agosto di quest'anno, ho giocato il Torneo B di Alghero, ho fatto quattro punti e mezzo: Bravo??? , un corno!!! ho vinto con i deboli e perso due partite con quelli che avevano un Elo più alto del mio(1700).
Alla fine del torneo giurai a me stesso di non partecipare più ad un torneo, fino a quando su Playchess (Sapiu)  non fossi arrivato ad almeno 1900 (giocando a 15 minuti ……senza usare il computer!!)
Poi per caso ho “trovato” questo sito. Ci passo ore e ore, ho ritrovato il gusto di giocare ed ho iniziato ad apprendere qualcosa …: Domenica scorsa ho giocato (Spergiuro!!) un torneo rapido a trenta minuti …. non ci crederete: sono arrivato terzo !!!!! (va bè non c'erano nè Anand nè masterblaster…), ma erano quarant'anni che non facevo un risultato del genere.
A novembre mi sono iscritto  al torneo di Rijeka in Croazia, (non vado al Campionato mondiale Senior, perchè il più debole ha 2000 Elo; spero di andarci l'anno venturo). 
Tutto ciò premesso, caro Dr Tarascio, VOGLIO arrivare a 2000 punti …. la mia email la conosci …
22 Ottobre 2011
4:03
Avatar
Masterblaster
Member
Members
Forum Posts: 234
Member Since:
25 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Visto che Tarascio l'ha citato, vorrei comunicare che è già pronto il primo capitolo del mio libro “Come patatre a stento con 1. e4” nel quale tratto in maniera approfondita la variante 1.., il Nero propone patta e il Bianco 'accetta.”  Ci sono parecchie partite nel mio database che seguono questa variante e il fatto che l'abbiano giocata anche campioni come Schicchimeri ( il mio dirimpettaio) e il forte salumiere Gianni Bertelli, sono un buon biglietto da visita per questa linea poco conosciuta. L'ho inserita come variante secondaria perchè, come legegrete più avanti, non è nello spirito del mio ,libro. Tuttavia giocata di tanto in tanto come sorpresa può essere interessante.

In questo capitolo ho analizzato anche  le altre due mosse candidate. La prima, che viene scartata dopo una breve analisi, è

2. Il Bianco abbandona.

Anche se può essere una mossa interessante ( è la cosiddetta variante Pomar in contromossa mediata da una partita Fischer-Pomar che è andata così: 1. c4 abbandona. In pratica uno dei tanti sistemi universali) non mi sento di consigliarla a tutti. In fin dei conti è una mossa chiaramente inferiore e contraria allo spirito del libro. In ogni caso ho ritenuto di doverla analizzare ugualmente per un senso di responsabilità nei confronti dei miei ( futuri) lettori.

 

L'altra mossa candidata è

2. Il Bianco rifiuta la patta.

Una mossa molto originale ed aggressiva che  è pienamente conforme allo spirito del libro che, ricordo, si intitola “Come pattare a stento con 1.e4. Infatti la variante ” 2. Il Bianco accetta la patta” produce una patta facile e non stentata, come è nelle intenzioni del mio libro. Quindi questa è la varinate che io consiglio e che provoca una trasposizione  negli altri capitoli che però devo ancora scrivere.

 

Probabilmente il secondo capitolo sarà “Il Bianco gioca 1. e4 e propone patta”. la mossa del testo è analizzata tenendo conto dell'art. 9.1.b comma 1 del regolamento FIDE. la variante è una variante di riserva ( un altro sistema universale) e va bene contro qualunque mossa stia pensando il nero.

 

Il rischio insito in questa variante è che il Nero pensi alla risposta fino a che il tempo del Bianco non scade. Nel capitolo suggerirò di aspettare non più di un'ora e poi di mettere in moto l'orologio del Nero rinuncianod, di fatto, alla proposta.

 

Analizzarò anche alcune implicazioni regolamentari legate alla prposta. Infatti l'articolo sopra citato recita che la proprosta di patta non può essere ritirata e che va fatta con il proprio orologio in moto. Nel capitoloo è' dibattuto il tema “Se si mette in moto l'orologio dell'avversario dopo avre proposto la patta stiamo commettendo un'infrazione all'articolo 9?”  ovviamente non posso rivelare nulla ma posso solo dire che tutat la linea è analizzata in profondità.

Avvertenza: durante la stesura di questo post nessun pezzo degli scacchi è stato maltrattato.
No permission to create posts
Forum Timezone: UTC 1

Most Users Ever Online: 124

Currently Online:
2 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Top Posters:

madame x: 501

Masterblaster: 234

Stefano Gemma: 202

pinkmoon: 146

DNApisano: 139

Luciano: 111

Member Stats:

Guest Posters: 3

Members: 7000

Moderators: 0

Admins: 1

Forum Stats:

Groups: 1

Forums: 1

Topics: 310

Posts: 4061

Newest Members: Teutonic86

Administrators: Giuseppe Tarascio: 1930

I Commenti sono chiusi


Hit Counter by technology news