Login
Supporta il sito
Newsletter
Notizie e lezioni in pdf.

Hit Counter by technology news
Chi c'é online
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Commenti recenti
Contattami su Skype
Skype Me!
Skype Me!
Chat with me
Send me a file
Quiz giornaliero

Sicil Kan 1

REPERTORIO PER IL NERO : SICILIANA KAN

Idee generali: confronto con la Siciliana Taimanov
-Le tre strutture pedonali della Kan (Scheveningen modificata; Maroczy; Hedgehog)
Manovre tipiche

Questa introduzione è interessante anche per chi non vuole giocare la Kan, in quanto tratta di strutture pedonali che si possono incontrare anche in altri sistemi della Siciliana. Ecco perchè aggiungo questo riassunto in pdf: Strategie generali nella Siciliana Kan (495)

NOTA. Ho raccolto nell’ultima pagina SICIL KAN 7 tutti i video, i databases in formato Chessbase, i repertori in formato ECO (indispensabili per poter seguire i video). Usate la password del Grado 9 per accedere e scaricare i materiali.

9 Commenti a “Sicil Kan 1”

  • Mauri7 says:

    buongiorno vorrei sapere tra quanto riuscirà a completare i video sulla siciliana kan in quanto vorrei giocarla da nero dato che è un sistema solido che non mi ha mai deluso.Penso che queste lezioni, se interessanti come le altre, possano guidarmi alla totale comprensione di questo splendido sistema!

  • La richiesta sulla Siciliana Kan da parte dell’utente Mariomba risale addirittura al novembre 2010 (vedi commento a Videolezione 1-21). Dunque, sono in ritardo…
    I video sono già pronti ed anche i repertori che allegherò (in formato pdf e/o Chessbase). Sempre nello stesso commento, c’era anche una richiesta sull’attacco nei casi di arrocchi eterogenei, e quindi ora sto preparando questi altri video.Meglio tardi che mai!
    Però ad agosto vado in ferie…

  • Mauri7 says:

    ok grazie spero che riesca a pubblicarli entro la prima metà di agosto!

  • Mi spiace dirtelo, ma il tuo è l’approccio peggiore in assoluto al problema “teoria delle aperture”. Per giocare un repertorio, occorre un periodo dai 6 mesi ad un anno per digerirlo. Occorre:
    1. Selezionare le linee che perferisci e controllarne criticamente le analisi;
    2. Comprendere le idee strategiche generali;
    3. Rigiocare intere partite dei Maestri per familiarizzarsi con i piani tipici di mediogioco;
    4. Cercare di memorizzare le varianti, comprendendo il perchè delle mosse;
    5. Giocare partite amichevoli per fissare la teoria nella tua memoria.
    Lo scacchista “fai da te” è destinato a spiacevoli delusioni, che poi imputa all’apertura prescelta (“giocavo meglio quando usavo la Francese” oppure “io sono nato per i giochi aperti, perchè sono un giocatore combinativo” ecc.ecc.).

  • Masterblaster says:

    Credo che Mauri più o meno intendesse questo anche se non così in profondità e in modo così completo. Se ho ben capito quello che a lui interessa è la parte 1 del tuo elenco. Converrai con me che selezionare le linee e controllare le analisi non è un lavoro da tutti. Quindi trovarsi già pronta questa parte è un bel passo avanti.

    Sicuramente nei tuoi video toccherai anche la parte 2 e quindi già 2 parti di 5 sarebbero fatte. In quest’ottica capisco la “fretta” di Mauri.

  • Mauri7 says:

    io sono interessato alle idee strategiche e ai piani di mediogioco perchè una volta disposti i pezzi il mio problema è la risposta a questa domanda:ok ho disposto al meglio i miei pezzi ora che faccio?che cosa minaccio ? qual è il mio obiettivo?

  • Benissimo! Le idee generali sulla Kan le troverai nel primo video (inserirò anche una sintesi in pdf per comodità d’uso). Le idee specifiche, correlate al setup dei pezzi, sono descritte nei video successivi. Tieni presente, però, che ho fatto una scelta molto personale delle varianti, che possono anche non piacere. In particolare, la dose di rischio maggiore è nella linea 5.Cc3 b5 (al posto della solida 5…Ac5, tipica della vecchia nomenclatura “Siciliana Paulsen”, termine che non cito mai nei video per non creare confusione). Questo però determina un circolo vizioso: nel primo video parlo di una struttura pedonale (derivata dalla Scheveningen, col pedone nero in b4) che non si adotta se il Nero gioca appunto 5.Cc3 Ac5.
    Insomma, metto le mani avanti per sottolineare un punto nodale: la scelta di un repertorio dipende dallo stile di gioco personale.

  • Mauri7 says:

    va bene, aspetto con ansia i video e grazie ancora per il tempo che lei dedica a questi video cosi istruttivi!

  • shade64 says:

    ho seguito con molto interesse…
    unica pecca, ho dovuto rovesciare il monitor! eh eh 😉

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Hit Counter by technology news