Login
Supporta il sito
Newsletter
Notizie e lezioni in pdf.

Hit Counter by technology news
Chi c'é online
1 visitatori online
1 ospiti, 0 membri
Commenti recenti
Contattami su Skype
Skype Me!
Skype Me!
Chat with me
Send me a file
Quiz giornaliero

Inglese 1

1.c4 e5
Parto con questa linea, in quanto ci permette di vedere tutti i piani del Bianco. Per poter seguire meglio il discorso, puoi stampare la lezione in formato repertorio e salvare video (versione Chessbase) accedendo alla pagina Inglese 4 con la password del Grado 11.

14 Commenti a “Inglese 1”

  • enzo scardamaglia says:

    Davvero un’ottima panoramica, chiara, essenziale, didatticamente perfetta.
    Viene voglia di giocare subito 1.c4.
    Grazie Maestro!!!

  • rufus says:

    Fantastico video sull’Inglese, chiarissimo con tutti i piani ottimamente spiegati.
    Per me un ottimo modo per arricchire il mio vecchio sistema Colle.
    complimenti vivissimi al Maestro Istruttore Tarascio. 🙂

  • seanconiglio says:

    Bravo davvero! Complimenti. Concreto, senza fronzoli, hai costruito una lezione che per giocatori di base come me è preziosa come il pane (dopo mezz’ora che è uscito dal forno a legna.

  • Masterblaster says:

    Sbaglio o manca la variante 1. c4 e5 2. Cc3 Cf6 3. g3 d5?

  • Questo commento mi offre il destro per spiegare la “filosofia” di questo (ed altri) repertori presenti sul sito.
    E’ ovvio che mancano molte linee! Se prendi in mano un libro sull’Inglese (ad es. Neil McDonald – Starting Out The English -2003) già ti rendi conto che è un fiume con mille torrenti, in cui la categoria nazionale…annega!
    Il repertorio offre delle linee guida, dei setup che, adoperati cum grano salis, rappresentano una bussola per navigare.
    Nell’esempio da te citato, dopo 1.c4 e5; 2.Cc3 Cf6 3.g3 il repertorio riporta solo 3…c6 con idea …d5. Ok, proseguiamo invece con 3…d5. Dopo 4.cxd5 Cxd5; 5.Ag2 il cavallo deve ritirarsi (nota il ritardo dello sviluppo del Cg1 in f3) con 5…Cb6. Ora il Bianco prosegue con le solite mosse 6.d3 Ae7; 7.Cf3 Cc6; 8.0-0, 0-0. Il Bianco si è sviluppato facilmente ed ora può scegliere tra Ae3+Tc1, premendo sulla colonna c- in generale (contro c7 arretrato o piazzando il cavallo in c5); oppure può giocare la solita a3/b4/Ab2/Tc1 oppure Tb1 (familiare, no?).
    Insomma, l’obiettivo del repertorio non è quello di schiacciare l’avversario in apertura, ma avere un Re al sicuro, pezzi “buoni”, nessuna debolezza strutturale (pedonale). E poi, si gioca!

  • Masterblaster says:

    Non pretendevo di schiacciare nessuno in apertura ma solo puntualizzare che nella variante con 1.., e5 ci sono due linee principali: quella con 4..,Ab4 ( il n. della mossa può cambiare) e quella con 3..,d5. Quest’ultima è particolarmente importante perchè il Nero può erroneamente pensare di poter giocare un Dragome a colori invertiti e andarsi a cacciare in posizioni che sono irte di trappole, lacci e lacciuoli. Inoltre è una linea molto comune fra le categorie più basse che la giocano “ad orecchio”

    Per il resto condivido la filosofia della presentazione e, come vedi, non ho citato altre varianti che mancano ( ad esempio quella con Ac5)perchè in effetti sarebbero state di troppo.

  • seanconiglio says:

    Condivido la filosofia del Maestro circa la “bussola per navigare”. La maggior parte di noi principianti (anche se nessuno lo confessa)si siede a tavolino o di fronte al pc predisponendosi a muovere mossa dopo mossa (se si è giudiziosi considerando anche le mosse dell’avversario…)senza alcun setup in mente. Si cerca di applicare più o meno scrupolosamente linee guida sempre valide in apertura (occupazione o controllo del centro, sviluppo armonioso dei pezzi, cercando di non sprecare tempi con mosse inutili e ingiustificate)ma il salto da questo muovere generico e per non farsi troppo male non ha niente a che vedere con la corretta geografia dell’apertura/e che deve condurci a un certo punto al mediogioco e ai suoi piani specifici. Ergo, già avere una bussola, degli schemi in mente è aver fatto dei passi da gigante rispetto al panorama appena descritto. Di qui a conoscere le varianti corrette fino alla decima mossa e oltre con tutte le stramaledette inversioni possibili ce ne vuole ma…. per non lasciar perdere lo studio delle aperture ritengo prezioso, incoraggiante e irrinunciabile l’approccio offerto da Giuseppe.

  • JackTal says:

    Tarascio ti voglio ringraziare per questi video veramente utilissimi, io sono uno scacchista principiante ho cominciato da meno di un anno e sono circa un 1640 Elo, gioco in circolo ma il più forte è un 1800 (sono di una piccola città), quindi ricorro spesso anche a Fritz per allenarmi,io fino ad ora non ho mai usato una apertura vera e propria ma andavo molto ad intuito , per esempio se il bianco giocava e4 io rispondevo con la siciliana andavo con altre 3-4 mosse da libro e poi improvvisavo e con il bianco idem (uso D4).

    Il mio più grande problema è l’apertura e i piani di medio gioco che sono tipici del tipo di gioco scelto e un video come questo che aiuta a capire le idee mi è veramente utilissimo perchè anche se non mi ricordo perfettamente tutte le varianti ho comunque delle idee da seguire e le mosse vengono abbastanza facilmente.

    Ti volevo chiedere se mi puoi consigliare dei DVD o un libro che abbia il tuo stesso approccio alle aperture, cioè che spieghi i piani tipici e le idee dietro ad esse perchè mi sarebbe veramente molto utile, per esempio ho provato a giocare l’inglese dopo aver visto i tuoi video e mi sento meno confuso mentre gioco e il mio gioco è migliorato.

    Ho studiato il medio gioco per esempio con i libri di Silman e i suoi quaderni di lavoro, riesco a risolvere facilmente i suoi esercizi quindi sospetto che il mio problema non sia tanto il medio gioco ma appunto come sto cercando di scrivere prolissamente in questo commento i “piani” tipici dell’apertura, spero di aver reso l’idea che voglio trasmettere della differenza che avverto tra il medio gioco in generale e quello specifico dell’apertura.

  • Due consigli.
    1) Gratis. Hai letto i testi che cito nel cap.6 della dispensa “Migliora il tuo gioco“? (Van Sterren eccecc)
    2) Mandami una mail e, senza impegno, ti invio una DEMO di miei repertori.

  • Amirok says:

    Grazie Maestro per la sua lezione puntuale, precisa ed esaustiva come sempre. Vorrei qualche piccolo chiarimento, visto che sono solito giocare l’inglese da qualche mese a questa parte e non ho ancora ben consolidato la teoria e le idee di questa apertura. Ecco le mie domande: cosa accade, dopo la spinta a6 dopo le preparatorie b4, b5, a4, a5? Se il nero non modifica la sua struttura pedonale sul lato di donna e cattura il pedone a6 col suo pedone in b7, dovremmo riprendere di pezzo o di pedone? Se prendiamo di pedone, è chiaro che creiamo un pedone isolato, a6 per l’appunto, facilmente attaccabile dal nero. LA cattura di pezzo mi pare, invece, impresa piuttosto ardua, visto che la torre a è stata spostata sulla colonna b, dovremmo riportarla forse sulla colonna a? Si consideri, peraltro, che l’alfiere campo scuro del bianco nella maggioranza dei casi viene cambiato per un cavallo e la cosa, di certo, non agevola la cattura in a6 con un pezzo. Seconda domanda: cosa succederebbe se il nero giocasse la profilattica a5, ovvero b6 decidendo di sviluppare il suo alfiere di donna in fianchetto? La ringrazio a priori della sua cortese risposta.

  • 2 domande complesse, ma che richiedono un’analisi delle posizioni concrete. Ti suggerisco di riproporre le tue domande sul Forum, inserendo le varianti che ti interessa discutere. In questa pagina del sito (http://www.istruttorescacchi.it/wordpress/mappa-sito/info) trovi le informazioni su come pubblicare partite o varianti. A presto!

  • Amirok says:

    Grazie, Maestro. Mi correggo, intendevo dire che dopo la sistemazione dell’alfiere di re in fianchetto (e non dopo il cambio dell’alfiere campo scuro), l’alfiere campo chiaro avrà notevoli difficoltà a catturare il pedone a6. Grazie mille, vedrò di pubblicare le mie perplessità sul forum. E grazie ancora per il lavoro dedicato al nobil gioco e per la gratuità delle sue lezioni.

  • ilkalashnokov says:

    Mi scusi maestro Tarascio ma dopo 1c4 e5 2Cc3 Ab4 3Cf3 Axc3 4bxc3 d6 5c5 Cf6 6cxd6 cxd6 7g3 0-0 8Ag2 Cc6 90-0 e4 10Cd4 Cxd4 11cxd4 d5 al posto di d3 va bene e3 e poi d3?

  • Giuseppe Tarascio says:

    12.d3!? seguita da Af4 sembra naturale.
    12.e3?! indebolisce le case chiare d3/f3. Ad esempio 12…Ag4 con buon gioco per il Nero.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Hit Counter by technology news