Login
Supporta il sito
Newsletter
Notizie e lezioni in pdf.

Hit Counter by technology news
Chi c'é online
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Commenti recenti
Contattami su Skype
Skype Me!
Skype Me!
Chat with me
Send me a file
Quiz giornaliero

Videolezione 65


REPERTORIO per il Bianco 1.e4: DIFESA PIRC
1.e4 d6 2.d4 Cf6 3.Cc3 g6
Sistema pedone h- kamikaze

La Difesa Pirc è una opzione solida (l’ha giocata anche il super-solido Mikhail Botvinnik) e flessibile (usa tutte le idee sviluppate sinora a Scacchi, dalle classiche alle moderne). Credo che meriti il dovuto rispetto da parte del giocatore di 1.e4, ma permette al Bianco spesso dei setup molto aggressivi, come l’Attacco Austriaco (4.f4). Purtroppo, questi sistemi sono molto teorizzati.

In uno dei due repertori anti-Pirc del VIDEOCORSO, tratto un sistema poco conosciuto ma aggressivo, di cui farò una semplice panoramica introduttiva nei prossimi video.

Ma anche altri possono trovare spunti di riflessione, in quanto lo studio dell’apertura è orientato in base ad un noto concetto strategico, già enunciato in altro video free (cfr. Analizza con Madame X).
Il Principio strategico generale serve per rispondere al seguente quesito, frequentissimo:
Cosa fare quando l’avversario ti attacca su un lato della scacchiera?
1) Contrattaccare al centro;
2) Contrattaccare sull’altro lato;
3) Difendersi sullo stesso lato.

4 Commenti a “Videolezione 65”

  • paolomasonixxx says:

    Salve egregio maestro,
    nel repertorio contro la Pirc lei propone per il bianco un sistema non molto teorizzato ma (come scrive lei stesso) aggressivo.
    Volevo proporle, se lo ritiene opportuno e solo a titolo di suggerimento in quanto credo svilupperà nel tempo altri numerosi e interessanti video, a completamento del tipo di gioco contro la Pirc, di mostrare anche le idee di un sistema più posizionale del tipo: 1.e4 d6 2.d4 Cf6 3.Cc3 g6 4.Cf3 Ag7 5.Ae2 (ho un articolo al riguardo di alcune pagine comparso nella rivista SCACCO del 1976…so che è datato ma per le idee di base credo può risultare utile…eventualmente le fornisco le fotocopie dell’articolo) o un altro set-up di natura posizionale (ad esempio 1.e4 d6 2.d4 Cf6 3.Cc3 g6 4.g3 seguito da Ag2 e Cge2) che magari lei ritiene più adatto per giocare “posizionalmente” contro la Pirc.
    La saluto cordialmente in attesa di un Suo riscontro!

  • Giuseppe Tarascio says:

    La scelta del sistema Ae2+h4 non è casuale, ma ha una logica che può essere compresa osservando la Videolezione 22 (contro la Caro Kan). Lì consiglio il sistema dei 2 Cavalli 1.e4 c6 2.Cc3 3.Cf3 e dico nel primo video:”E’ meglio giocare PRIMA Cc3 e POI Cf3″. Perchè? Perchè il Nero potrebbe trasporre nella Robatsch-Pirc (c6/d6/g6). Adottando il sistema Ae2+h4, in pratica il Bianco ha un sistema che si integra con quello contro la CaroKan e persino contro quella sotto-variante della Pirc!
    Per costruirsi un repertorio non servono migliaia di articoli o di libri, reperibili a iosa in Rete; serve una IDEA che faccia da filo logico tra le varie linee, in modo da semplificare lo studio al dilettante. Ovviamente, questo significa fare delle scelte a volte dolorose: sono conscio che esistono sistemi migliori anti-Pirc, anti-CaroKan, anti Gurgenidze ecc.ecc., ma meglio poche idee ma buone, nel GIOCO A TAVOLINO.

  • paolomasonixxx says:

    La ringrazio per le delucidazioni, Lei è sempre gentilissimo e disponibile…e l’integrazione tra vari sistemi permette di risparmiare tempo per lo studio effettivamente!
    Per farla sorridere le racconto un aneddoto: il mio primo insegnante di scacchi era un CM ed oggettivamente un buon esperto di aperture (il suo elo si aggirava intorno ai 2100…forse qualche decina di punti sotto) e mi diceva che contro la caro-kann il sistema dei due cavalli è un ottimo modo per combatterla (e fin qui penso siete entrambi d’accordo) ma che bisogna giocare PRIMA 2.Cf3 e la motivazione sua è che altrimenti il nero gioca 2…e5! A suo dire, in sostanza 1.e4 c6 2.Cc3 e5! era buona per il nero!
    E’ proprio vero…tante menti…tante idee…tante opinioni!!
    P.S. Contro la Pirc lui consigliava 1.e4 d6 2.f4 (seguita da Ac4 e d3) in modo che la spinta in d5, noto antidoto contro la spinta in f4 farebbe perdere al nero un tempo in apertura.
    La saluto e la ringrazio nuovamente!

  • Giuseppe Tarascio says:

    Contro-aneddoti:
    – Dopo 1.e4 c6 2.Cc3 e5 gli “studenti” hanno a disposizione il repertorio della Viennese con 3.Ac4!
    – Ho giocato per anni la Pirc col Nero e quindi mi è capitato di affrontare questa sequenza. In particolare, ricordo che una volta, su Playchess, il GM Nigel Short mi ha giocato 1.e4 d6 2.f4 ed io ho risposto con la mossa migliore, secondo la teoria delle aperture corrente: 2…Cf6 3.Cc3 d5! La filosofia del “tempo perso in apertura” vale SOLO nei giochi aperti. E’ passato un secolo dai tempi di Nimzowitsch, che nel “Mio Sistema” criticava aperture come la Difesa Scandinava in quanto la Donna nera “perdeva un tempo”.
    Temo che Lei ed il C.M. siate arretrati di circa 80 anni, come comprensione generale degli Scacchi. 😆 😆

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento


Hit Counter by technology news