Login
Supporta il sito

Venditascacchi.it
scacchi, scacchiere e chess set completi artigianali fatti a mano in
Italia
scacchi, scacchiere e chess
set completi
artigianali fatti in Italia

Newsletter
Notizie e lezioni in pdf.

Hit Counter by technology news
Chi c'é online
0 visitatori online
0 ospiti, 0 membri
Commenti recenti
Quiz giornaliero


Please consider registering
guest

sp_LogInOut Log In sp_Registration Register

Register | Lost password?
Advanced Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 4 characters - maximum search word length is 84 characters

No permission to create posts
sp_Feed Topic RSS sp_TopicIcon
ELO 1500-2000
2 Agosto 2011
10:48
Leonida68
Member
Members
Forum Posts: 7
Member Since:
5 Maggio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Volevo chiedere al Maestro Tarascio, come integrare questo materiale con i testi consigliati nella dispensa Migliora il tuo gioco nel paragrafo “Programma di studio” dove a seconda della fascia Elo vengono consigliati alcuni testi da studiare. Il tentativo è quello di seguire un percorso formativo organico, senza salti qui e là che possono disorientare un principiante come me.

Poi una domanda che mi sono sempre posto, qual è il modo più efficace di studiare un libro di scacchi ?

 

Grazie per i consigli

2 Agosto 2011
11:14
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline

1) “Come seguire un percorso di studi organico”.
Questo sito segue la logica del cane che si morde la coda, nel senso che ogni materiale inserito (pdf o database o video) è legato ai corsi che fornisco ai miei studenti. I libri citati nella dispensa, ad esempio, sono a loro disposizione. Quindi, è imbarazzante per me ricordare sempre che questo non è un blog, ma un sito personale di un Istruttore di Scacchi!
2) “Come leggere un libro”.
Questa è domanda di carattere più generale e sono più libero di rispondere, anche se suppongo che ogni scacchista abbia una propria ricetta personale.
Ovviamente, dipende dal libro! Per fare un esempio concreto, posso dirti che quest’estate, sotto l’ombrellone, leggerò una raccolta di partite commentate, munito solo di foglio e e matita, con cui sottolineo i commenti e/o i diagrammi più interessanti, descrivendoli brevemente per tema( PID, tatticismo, migliora pezzi, attacco minoranza, rook lift eccecc).
Quando sono interessato ad un tema (facciamo finta: attacco in caso di arrocchi eterogenei, meglio coi pedoni o coi pezzi?) mi basta andare a vedere i foglietti che inserisco nel libro alla fine della lettura.
ASPETTO NEGATIVO DEL METODO: i foglietti a volte scivolano fuori dal libro, e mia moglie li raccoglie vicino alla libreria e li butta….

Playchess: Tarascio_Giusepp
4 Agosto 2011
9:50
Luciano
Member
Members
Forum Posts: 111
Member Since:
23 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Io ho risolto il problema con i post-in Risatona (ammesso che non ritorni su un libro a distanza di anni…)

4 Agosto 2011
12:27
Luciano
Member
Members
Forum Posts: 111
Member Since:
23 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline

A proposito di raccolte di partite commentate, quali sono le migliori in termini didattici per un principiante?

Ad esempio mi é piaciuto molto l´esercizio del III mese che chiedeva di commentare una partita per poi confrontare il risultato con l´analisi magistrale e mi vorrei continuare con questo tipo di lavoro.

4 Agosto 2011
12:44
Avatar
Giuseppe Tarascio
Amministratore
Forum Posts: 1930
Member Since:
30 Novembre -0001
sp_UserOfflineSmall Offline

Difficile dare una risposta soddisfacente.
Nella dispensa “Come migliorare a Scacchi” consiglio, tra gli altri, il libro di Motwani- Most Instructive Games Of The Young Grandmasters(1999) (che trovi nella pagina “libri“), ma onestamente ogni libro ha aspetti positivi e negativi. Ad esempio, vari autori iniziano un capitolo col titolo interessante (ad esempio “come comportarsi nella situazione XY”), poi mettono una prima partita chiara didatticamente. Felice, passo a leggere la seconda, poi la terza ecc. ma scopro che gli esempi scelti non sono più efficaci.
Perchè? Perchè un tempo le “partite modello” erano facili da reperire. Nei tornei si confrontavano autentici mostri sacri (Alekhine, Capablanca ecc) e dall’altra parte della scacchiera si sedevano avvocati, professori, macellai (Akiba Rubinstein, per campare, lavorava in una macelleria ebrea). Oggi le partite sono più tese ed equilibrate, e pertanto gli errori sono meno “vistosi”. Ma noi dilettanti facciamo ancora (purtroppo) errori grossolani, che non troveremo mai analizzati nelle partite tra due 2500 di ELO.
Comunque, una buona notizia per te, Luciano. Nel corso di studi che stai seguendo con me privatamente affronterai parecchi esercizi “posizionali”…

Playchess: Tarascio_Giusepp
4 Agosto 2011
3:44
Luciano
Member
Members
Forum Posts: 111
Member Since:
23 Febbraio 2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Sí il IV mese é giá pieno di esercizi basati su posizioni da analizzare non necessariamente in termini combinativi. 

Tuttavia devo dire che la riflessione su una partita intera é molto stimolante, perché constringe a ´interrogarsi´ un po´ su tutte le fasi della partita. C´é anche una maggior coerenza nei problemi che si affrontano, data la logica concatenazione delle posizioni su cui riflettere.

Lavorare in questo modo sul database di partite che mi hai fornito é molto interessante. Purtroppo non tutte le partite sono commentate…

 

 

No permission to create posts
Forum Timezone: UTC 1

Most Users Ever Online: 124

Currently Online:
2 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Top Posters:

madame x: 501

Masterblaster: 234

Stefano Gemma: 202

pinkmoon: 146

DNApisano: 139

Luciano: 111

Member Stats:

Guest Posters: 3

Members: 7000

Moderators: 0

Admins: 1

Forum Stats:

Groups: 1

Forums: 1

Topics: 310

Posts: 4061

Newest Members: Teutonic86

Administrators: Giuseppe Tarascio: 1930

I Commenti sono chiusi


Hit Counter by technology news